Costituire un’adeguata anagrafica patrimoniale – conclusione

Per completare il quadro di riferimento relativo all’Anagrafica patrimoniale affrontiamo il tema chiave della sua attendibilità nel tempo.

Manutenzione nel tempo dell’anagrafica

Dopo aver realizzato, organizzato e caricato a Sistema l’anagrafica patrimoniale, quest’ultima richiede una chiara definizione del processo di aggiornamento nel tempo.

Per ottenere un processo tecnicamente ed economicamente sostenibile è necessario porsi le seguenti domande:

1) Quali sono le informazioni chiave per i processi che sto gestendo?

2) Quali sono i vincoli normativi relativi all’aggiornamento delle informazioni (tenuta registri, libretti e documentazione legale-amministrativa)?

3) Quali risorse ho a disposizione e in quali processi/operazioni posso includere l’attività di aggiornamento?

Quali sono le informazioni chiave per i processi che sto gestendo

Se l’anagrafica patrimoniale è realizzata con un focus agli impianti tecnologici, alcuni elementi saranno soggetti a maggiori interventi e sostituzioni rispetto ad altri. La capacità di definire a priori quali categorie di elementi sono importanti al fine dell’aggiornamento dell’anagrafica mi permette di pianificare adeguatamente un piano di allineamento delle informazioni.

In prima istanza vanno prese in considerazione le seguenti variazioni significative:

1) Cambio di destinazione d’uso/modifica dotazioni impiantistiche dei locali

2) Variazioni nell’assetto degli impianti di sicurezza, antincendio e vie di fuga

3) Modifiche architettoniche e strutturali

4) Cambio di tecnologie (riconversione impianti quali caldaie, condizionatori,torri evaporative etc)

5) Riparazione/Sostituzione terminali significativi di impianto (es radiatori, split system e fan coil, lampade e punti luce)

6) Nuovi cablaggi (es reti dati/hotspot wifi, impianti diffusione sonora, sensori/attuatori di home/building automation)

Quali sono i vincoli normativi relativi all’aggiornamento delle informazioni

Risulta utile valorizzare i vincoli normativi sulla tenuta dei registri e/o dei libretti per assicurarsi un corretto intervallo di tempo tra un aggiornamento e il successivo.

A riguardo, la presenza di termini di legge sull’aggiornamento di registri per specifici impianti permette di “guidare” le operazioni di registrazione delle variazioni di dati significativi.

Quali risorse ho a disposizione e in quali processi/operazioni posso includere l’attività di aggiornamento

La capacità di mantenere le informazioni aggiornate senza significativi costi aggiuntivi passa attraverso un processo di analisi delle opportunità di svolgere tali operazioni in concomitanza ad altri interventi.

Ogni volta che si provvede ad interventi (correttivi a guasto o programmati) sul patrimonio risulta possibile valutare ed aggiornare le informazioni che hanno rilevanza per l’anagrafica tecnica.

Per far questo è necessario e utile valutare, con le risorse a disposizione, dei processi ad hoc, semplici ed intuitivi, da far svolgere al personale in campo.

 

Se siete interessati a conoscere come massimizzare la resa di questi processi potete contattarmi qui

3 anni ago